Maremontes

MAREMONTES – SINISCOLA (NU)

LUNGHEZZA: 34,700 Km.
TEMPO DI PERCORRENZA: 3 ORE CIRCA
ASCESA: 605 m. – DISCESA: 642 m.
ELEV. MAX 433,700 m. – ELEV. MINIMA: 6,400 m.
ASCESA: 605 m. – DISCESA: 642 m.

E’ obbligatorio il casco per tutti i biker, la difficoltà del percorso è media ed è consigliabile (ma non obbligatoria), una buona preparazione fisica.

[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/maresmontes.gpx”]

Il percorso Maremontes unisce alla bellezza del mare il fascino particolare della nostra montagna, tra corbezzoli giganti e stradelli di campagna percorsi solamente dai pastori durante i periodi della transumanza. Dall’agriturismo Punta Lizzu ci si dirige verso Siniscola sulla SS. 125; una volta giunti nei pressi del paese si svolta verso la SP 12 all’incrocio di Marinedda. Proseguiamo su asfalto verso il vivaio dell’ente Foreste della Sardegna, Corra Cutza, a cui accederemo con un tratto di strada sterrata. Giunti al cancello del vivaio, si affronta ancora uno sterrato di pendenza costante, tra piante giovani di macchia mediterranea e il Montalbo alle nostre spalle che ci appare in tutto il suo splendore su un fianco, giungendo sulla cima della collina. Ancora uno strappo ci condurrà verso punta Unnichedda (440 mt.), da dove ci lanceremo in discesa verso il mare,

attraversando una semicresta abbastanza tecnica percorribile con attenzione. Da qui in avanti si può dare libero sfogo alla fantasia, giocando sul cambio e i freni quanto basta per scendere in sicurezza. Attraverseremo ovili e carrareccie delimitate da muretti a secco, fino a ricongiungerci sulla Strada Capo Comino-Irgoli, nei pressi del Ponte Tuseddu. Da qui, un tratto di strada asfaltata ci condurrà verso Capo Comino dove, all’altezza di S’ena ‘e sa chita, ci consentirà di reimmetterci sullo sterrato che porta lungo la fascia costiera, verso la pineta di Mandras e successivamente al borgo di pescatori di Santa Lucia, che attraverseremo per tutta la sua estensione sul lato della torre aragonese del XVI sec.
Il mare accompagnerà il nostro percorso da Capo Comino fino a Santa Lucia, tanto da sentire i rumori della risacca sulle rocce e sul bagnasciuga.
Da Santa Lucia proseguiremo per un breve tratto di asfalto lungo la SS 125 fino ad arrivare a Punta Lizzu.

———————————————————————————————————

Maremontes Trekking
Per chi non dovesse fare l’escursione in MTB, abbiamo preparato un trekking a Punta Cupèti, su Montalbo, di difficoltà facile-media, tempo di percorrenza 2 ore circa. Il ritrovo è alla medesima ora dell’escursione in MTB, alle 8,00 circa all’agriturismo Punta Lizzu. Da qui si procede in auto verso Montalbo, fino ad arrivare nei pressi della fontana di “Sa mela”. Dopo aver parcheggiato le auto, si prosegue a piedi verso Sa janna ‘e s’abbardente e successivamente verso Punta Su Pìzu e Punta Cupèti (1.029 msl.). In vetta si assiste ad uno spettacolo incredibile, nel mezzo di un deserto calcareo si potrà ammirare la costa est della Sardegna da Olbia con l’isola di Tavolara che pare quasi di toccare, fino a sud verso il tuttavista e il Supramonte di Dorgali e Urzulei. Escursione per tutti, con un minimo di attenzione, in uno dei luoghi più affascinanti della Sardegna. Guida Gianbattista Olla.

E’ consigliabile l’utilizzo di una buona scarpa da trekking; si cammina quasi sempre sul calcare e l’usura delle calzature diventa notevole. Preferibilmente uno zainetto con dell’acqua e una frutta, macchina fotografica e binocoli se già in dotazione.